Chi siamo

Contributo della Venezia Orientale al Piano strategico della Citta' Metropolitana di Venezia

Il progetto “Contributo della Venezia Orientale al Piano strategico della Città Metropolitana di Venezia” è stato finanziato dalla Regione Veneto con DGR n. 1605 del 21.10.2016, approvato dalla Conferenza dei Sindaci del Veneto Orientale ai sensi della LR 16/93, coordinato dal Comune di Gruaro in qualità di Comune capofila dei Comuni della Venezia Orientale e attuato da VeGAL, Agenzia di sviluppo dell’area, con la consulenza tecnico-scientifica di Proteco engineering Srl.

L’attività si configura come un supporto all’organismo di coordinamento della Zona Omogenea della Venezia Orientale nella formulazione di proposte agli organi della Città metropolitana di Venezia, sugli atti che la riguardano e nell’incoraggiare la sottoscrizione di Accordi programmatici e di partenariato con soggetti pubblici e privati interessati alla progettazione e attuazione di interventi prioritari per l’ambito.

Il progetto interessa l’ambito dei 20 Comuni della Venezia Orientale riconosciuti della LR 16/93 e i Comuni di Cavallino Treporti e di Quarto d’Altino, ambito dell’Intesa Programmatica d’Area (IPA) della Venezia Orientale riconosciuta con DGR n. 3517/2007 dalla Regione Veneto.

Si parte dal quadro di interventi di carattere strategico realizzati nel territorio, oppure in ambiti esterni, ma che hanno avuto una influenza diretta sullo stesso, nell’ultimo quarto di secolo, come gli interventi di iniziativa privata attuati nell’ambito della pianificazione territoriale o locale (le Terme o i progetti della City Beach che hanno accompagnato il rinnovamento rispettivamente di Bibione e del Lido di Jesolo, o il design Outlet di Noventa di Piave) oppure le grandi opere infrastrutturali (il Passante di Mestre e la 3° corsia sulla A4, la variante alla SS 14 di San Donà di Piave e di Portogruaro) o gli interventi pubblici nei centri storici, la realizzazione di contenitori culturali e l’implementazione di forme innovative di governance.

Quelle richiamate sono iniziative che si sono concretizzate nel tempo attraverso strumenti, programmi e finanziamenti di diversa natura e che hanno cambiato profondamente il territorio, accompagnandolo nella crescita economica produttiva e sociale. Esse richiamano una visione della Venezia Orientale con la quale la nuova stagione della pianificazione strategica affidata alla Città metropolitana deve opportunamente confrontarsi.

Nondimeno, i cambiamenti avvenuti nell’ultimo decennio, condizionati da una diversa congiuntura economica impongono la definizione di uno scenario e di obiettivi diversi per il territorio. Oggi le condizioni sono cambiate, la crisi economica e sociale ha limitato lo sviluppo demografico, la crisi finanziaria, e non solo, ha sottratto gli investimenti infrastrutturali necessari per dare continuità e sostegno alle trasformazioni territoriali anche in questa parte del Veneto. Il Veneto di oggi, non è più quello del 2005 e del 2009 quando il PIL cresceva in modo costante di 1-2 punti percentuali l’anno. La nuova pianificazione strategica pertanto deve fare riferimento non solo ad uno scenario economico profondamente cambiato ma deve innovare sul modello culturale e sociale di riferimento.

Nel contesto attuale appaiono sempre più centrali questioni come la limitazione del consumo di suolo, la salvaguardia idrogeologica, la rigenerazione dei territori e degli insediamenti urbani industriali e commerciali, la realizzazione di infrastrutture sostenibili, la digitalizzazione e l’efficientamento della pubblica amministrazione, un’offerta turistica integrata, la valorizzazione dell’agrifood e dei prodotti locali e soprattutto la messa in valore del patrimonio culturale e ambientale

È su questi valori comuni che, il presente “contributo della Venezia Orientale al Piano strategico della Città metropolitana di Venezia” delinea uno scenario tutto nuovo per questa parte di territorio metropolitano: individua le relazioni più forti, fissa obiettivi, indica progetti individuandone proponenti e partner e associandovi linee di finanziamento. In breve, è un progetto che vuole diventare l'occasione per fissare, in un unico documento una visione integrata del territorio della Venezia Orientale nel più ampio contesto metropolitano.

La costruzione di una visione strategica per la Zona Omogenea della Venezia Orientale è l’occasione per definire una visione di prospettiva, individuando un numero contenuto di proposte strategiche e realmente realizzabili. Questa visione di lungo periodo, ma concretizzabile in progetti ben definiti richiede, forse per la prima volta, uno sforzo di selettività, evitando di rivendicare un elenco indifferenziato di opere, ma individuando gli obiettivi prioritari, le modalità attuative e i relativi finanziamenti.

Il risultato di questo processo dovrà ora integrarsi nel più ampio percorso di costruzione del Piano strategico metropolitano di Venezia attualmente in corso.

Di seuguito la documentazione da scaricare in formato pdf.

1) Relazione Generale (3,4 MB) - 

2) Carta del suolo antropizzato (2,4 MB)

3) Carta dell'ecosistema (2,4 MB)

4) Carta forme di cooperazione intercomunale (2 MB)

5) Carta progetti strategici inquadramento (3,2 MB)

6) Carta progetti strategici obiettivo 1 (2,9 MB)

7) Carta progetti strategici obiettivi 2 3 4 (3 MB)

8) Documento Intermedio (0,7 MB)

9) Prime linee di indirizzo (0,7 MB)