Il territorio del Veneto Orientale

L’area d’intervento principale di VeGAL è la parte nord orientale della Città Metropolitana di Venezia, mentre l’ampliamento del raggio d’azione sulle aree contigue viene attualmente sviluppato a livello di progetto o mediante specifici accordi.

L’area Venezia Orientale si colloca al confine est della Regione Veneto con la Regione Friuli-Venezia Giulia ed è bagnata, a sud, dal mare Adriatico. Un territorio un tempo coperto da folti boschi e in cui svolgeva un ruolo da protagonista l’acqua, con le sue lagune e i fiumi che tuttora interessano l’area, anche se le opere di bonifica hanno radicalmente cambiato volto alla Venezia Orientale.

Si tratta di un’area pianeggiante, che interessa la parte nord-orientale della Provincia di Venezia, e che si estende su 22 Comuni con 226.338 abitanti (dato 2001) e 1.135 Kmq: Annone Veneto, Caorle, Cavallino-Treporti, Ceggia, Cinto Caomaggiore, Concordia Sagittaria, Eraclea, Fossalta di Piave, Fossalta di Portogruaro, Gruaro, Jesolo, Meolo, Musile di Piave, Noventa di Piave, Portogruaro, Pramaggiore, Quarto d’Altino, S.Donà di Piave, S.Michele al Tagliamento, San Stino di Livenza, Teglio Veneto, Torre di Mosto.
Un territorio che punta ad integrare costa ed entroterra, portando nell’interno un turismo sostenibile e motivato: questo è il volano per veicolare sviluppo e imprenditorialità nell’area. Nel litorale il turismo ha portato alla ribalta località come Bibione, Caorle, Eraclea, Jesolo e Cavallino-Treporti, mentre risalendo nell’entroterra ci si trova immersi nella tipica pianura veneta, alimentata dai fiumi Tagliamento, Lemene, Livenza, Piave e Sile, caratterizzata dalla produzione ortofrutticola, cerealicola e vitivinicola.

                    22comuni