News

VeGAL al lavoro con la Rete Rurale Nazionale

Sono 200 i GAL (Gruppo di Azione Locale) operativi nel 2014/20 che oggi si confrontano a Roma per due giorni di seminari con la RRN (Rete Rurale Nazionale) ed il Mipaaf (Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali) sulla valutazione dei PSL a livello locale.
Aumenta quindi il numero dei GAL in Italia (erano 192 nel 2007/13), ma cala, pur di poco, il budget medio a disposizione che resta comunque vicino a circa 6 milioni di euro per GAL. In controtendenza il Veneto, che passa da 14 a 9 GAL, ma che aumenta le risorse medie per GAL.

Lo stato di avanzamento in Italia è stato illustrato da Emilio Gatto e Paolo Ammassari del Mipaaf. Obiettivi ambiziosi quelli che attendono i 200 GAL italiani: 1.202,43 milioni di euro in Italia che serviranno a creare 3.022 nuovi posti di lavoro nell'ambito dei progetti LEADER. Una sfida che si può raggiungere solo attuando attentamente ciascuno dei progetti che i GAL andranno ad attuare nei prossimi 4-5 anni.

In media sono 81 i progetti che i GAL finanziano nell'ambito di un PSL (sono stati 75 nel Veneto Orientale nel 2007/13 ): sono questi i "mattoni" con i quali costruire nuovi posti di lavoro nelle aree rurali. Aree rurali che vogliono sperimentare, innovare, attrarre: agiscono come luoghi in cui - grazie al PSR - il settore primario si apre al territorio. Nuove "agricolture" per creare nuovi posti di lavoro, sperimentando insieme attraverso dei "progetti": questa è la sfida dei GAL e il senso di LEADER. Questa la sfida che lancia il settore primario, come sempre luogo privilegiato della sperimentazione.

Scopo dell'incontro è confrontarsi sulle metodologie per valutare come i PSL possono raggiungere gli obiettivi di sviluppo locale che le partnership in seno al GAL si sono date per il 2014/20. VeGAL parteciperà portando in particolare la propria esperienza nei tavoli di lavoro finalizzati ad analizzare buone prassi dei GAL nelle aree costiere e nelle aree periurbane. Per il Gal della Venezia Orientale partecipano Giancarlo Pegoraro e Simonetta Calasso.