Chi siamo

Verso il Contratto della Laguna di Caorle e Bibione

La Laguna di Caorle costituisce un elemento di prioritario interesse nel territorio regionale e nazionale per il suo importante ruolo ambientale, agricolo, storico, identitario e fruitivo.

La Laguna si inserisce in particolare in un contesto di assoluta rilevanza nei settori:

  • del turismo: con le località balneari di Caorle e Bibione e con importanti itinerari cicloturistici (l’itinerario costiero GiraLagune e gli itinerari verso l’entroterra GiraLivenza e GiraLemene) e navigabili (Litoranea Veneta);
  • culturale: con i centri storici lungo il fiume Lemene di Caorle, Concordia Sagittaria e Portogruaro, con la presenza due musei nazionali (il Museo del mare di Caorle e il Museo Archeologico Nazionale Concordiese di Portogruaro);
  • del paesaggistico: ricordiamo che l’area è stata oggetto di importanti e imponenti opere di bonifica le quali hanno ampiamente modificato il paesaggio; è stato inoltre creato l’Osservatorio del paesaggio della bonifica del Veneto Orientale che fa parte della rete regionale degli osservatori per il paesaggio; l’area è anche ambito lagunare del PTRC e contempla le oasi naturalistiche di Valle vecchia;
  • agricolo: con le importanti realtà di Vallevecchia di Caorle (azienda sperimentale dell’Agenzia Veneta per l’innovazione – Veneto Agricoltura) e di primarie aziende agricole, borghi e centri agricoli (tra i quali: Ca’ Corniani e San Gaetano);
  • ambientale: l’area della laguna di Caorle e Bibione è fortemente interessata da importanti valenze naturalistico-ambientali e di conseguenza da aree di tutela Natura 2000 (SIC IT3250033: Laguna di Caorle - foce del Tagliamento; ZPS IT3250041: Valle Vecchia - Zumelle - valli di Bibione; ZPS IT3250042: Valli Zignago - Perera - Franchetti – Nova);
  • della pesca e delle valli da pesca: si annoverano importanti valli da pesca quali: Valle Zignago, Valle Perera, Valle Grande (Franchetti), Valle Nova

Il settore della pesca in veneto, ma in egual modo si registra nel bacino adriatico, ha subito una continua e forte contrazione in termini di redditività, infatti si è osservato un costante decremento del numero di imbarcazioni, del numero di addetti e delle quantità di prodotto sbarcato (La pesca in veneto 2014, Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell'Acquacoltura).
Di contro, le imprese di acquacoltura hanno visto una costante crescita nel tempo. A fare da padrone in questo settore è la produzione di molluschi bivalvi (vongole e mitili) che rappresenta il 60% della produzione veneta, mentre le produzioni ittiche rappresentano il 23% circa della produzione veneta. Nella laguna di Caorle e Bibione non sono presenti allevamenti di molluschi bivalvi, ma vi sono solamente valli da pesca, e il prodotto di una di queste (Valle Grande o Franchetti) viene conferito al mercato ittico di Caorle.

Progettualità integrate Ambito della Laguna di Caorle (fonte VeGAL)

Il progetto denominato “Verso il Contratto della Laguna di Caorle e Bibione: il contributo del settore pesca e degli esperti scientifici” (codice univoco 02/AIPEP/2017) promosso da VeGAL (Gruppo di Azione del Veneto Orientale) ha permesso la creazione e lo sviluppo del "Tavolo multiattoriale della pesca e vallicoltura (la rete tra pescatori, vallicoltori e organismi scientifici)". In questo contesto è stato possibile l’individuazione dei punti di forza e di debolezza dello scenario attuale legato alla pesca locale nelle acque interne.

Attraverso una serie di attività di animazione del tavolo ed attraverso l’applicazione della metodologia EASW agli incontri svoli, si è potuto sviluppare un documento che riassume le criticità e le azioni emerse durante i tavoli tematici e i lavori del Contratto di Laguna di Caorle.

Progetto 02/AIPEP/2017

BANDO DI ATTUAZIONE DELL’ART. 44 ai sensi dell’art. 28 Reg. (UE) n. 508/2014

Priorità n. 1 - Misura 1.44 - Partenariati tra esperti scientifici e pescatori

Obiettivo Tematico 3 “Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese, il settore agricolo e il settore della pesca e dell’acquacoltura”


Documenti di progetto:

Piano di Azione Contratto di Laguna