Chi siamo

Progetto Altrovento

PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE
OB. 2 2000-2006 Regione Veneto
Mis. 1.6 “Interventi di Animazione Economica” – Azioni di Marketing Territoriale. Bando 2006. DGR n. 1936 del 2006


Titolo del progetto

Progetto ALTROVENTO. Opportunità di turismo alternativo, nell'ambito del distretto turistico delle Province di Venezia, Rovigo, Treviso e Vicenza.

Scarica la presentazione del progetto ALTROVENTO

Visita il sito www.altrovento.net

Sintesi

Il progetto intende promuovere lo sviluppo imprenditoriale nei comuni “obiettivo 2” che rientrano nel Distretto Turistico delle Province di Venezia, Rovigo, Treviso e Vicenza, riconosciuto dalla Regione Veneto con DGR n. 1766/2004.
L’iniziativa scaturisce dalla consapevolezza che il territorio del Veneto, la regione italiana che vanta il maggior numero di visitatori per anno, presenta ancora significative possibilità di investimento nel settore del turismo. In particolare, mentre le aree litoranee e montane e le città d’arte possono contare su una tradizione di ospitalità pluridecennale, che ha originato un mercato turistico ormai maturo e consolidato e che risponde a tutte le possibili esigenze dei visitatori, sussistono ampie aree marginali che risultano per lo più estranee ai principali flussi turistici, nonostante il crescente interesse per le nuove forme di fruizione ricreativa del territorio. Molte di tali aree sono comprese all’interno dei comuni “obiettivo 2” del Distretto.
Partendo da questi presupposti il progetto intende promuovere le aree target presso potenziali imprenditori del settore turistico, illustrando la gamma di opportunità sviluppate con iniziative locali che potrebbero essere in grado di supportare iniziative di tipo imprenditoriale.
Allo scopo di fornire agli investitori un quadro conoscitivo completo della realtà delle aree “obiettivo 2” del Distretto, saranno anche indagate le prospettive di sviluppo delle grandi opere (strade, autostrade, ferrovie, ecc.) e delle aziende che forniscono servizi essenziali (autovie, collegamenti telematici, ecc.), nonché le future prospettive di incentivazione economica che si origineranno dalla nuova programmazione dei Fondi Strutturali 2007-2013.
Attraverso tali strategie il progetto persegue l’obiettivo generale di stimolare la nascita di iniziative legate sia all’ospitalità (ristorazione e pernottamento) sia alla fornitura di servizi (noleggi e trasporti, guide, manutentori, ecc.), come meglio specificato di seguito.

Il contesto di riferimento

Il progetto riguarda 5 aree della Regione Veneto: Venezia Orientale e Venezia Occidentale, Rovigo e delta Po, Pedemontana trevigiana, Prealpi vicentine.

91 i Comuni interessati dal progetto:

Provincia di Venezia
(13 comuni) Annone Veneto, Caorle (*), Cavarzere, Chioggia (*), Cinto Caomaggiore, Cona, Concordia Sagittaria (*), Fossalta di Portogruaro, Gruaro, Portogruaro (*), Pramaggiore, Teglio Veneto, Venezia (*)

Provincia di Rovigo
(50 comuni) Adria, Ariano nel Polesine, Arquà Polesine, Badia Polesine, Bagnolo di Po, Bergantino, Bosaro, Calto, Canaro, Canda, Castelguglielmo, Castelmassa, Castelnovo Bariano, Ceneselli, Ceregnano, Anezze, Costa di Rovigo, Crespino, Ficarolo, Fiesso Anezzeo, Frassinelle Polesine, Fratta Polesine, Gaiba, Gavello, Giacciano con Baruchella, Guarda Veneta, Lendinara, Loreo, Lusia, Melara, Occhiobello, Papozze, Pettorazzagrimani, Pincara, Polesella, Pontecchio Polesine, Porto Tolle, Portoviro, Rosolina, Rovigo (*), Salara, San Bellino, San Martino di Anezze, Stienta, Taglio di Po, Trecenta, Villadose, Villamarzana, Villanova del Ghebbo, Villanova Marchesana

Provincia di Treviso
(2 comuni) Cavaso del Tomba, Fregona

Provincia di Vicenza
(26 comuni) Altissimo, Asiago, Caltrano, Calvene, Chiampo (*), Cismon del Grappa, Cogollo del Cengio, Conco, Crespadoro, Enego, Foza, Gallio, Laghi, Lastebasse, Lugo di Vicenza, Lusiana, Nogarole Vicentino, Pedemonte, Posina, Recoaro Terme, Roana, Rotzo, San Pietro Mussolino, Valdastico, Valli del Pasubio, Valstagna

(*) I comuni indicati con (*) nella precedente tabella sono compresi parzialmente.


Gli obiettivi generali

- Creazione di meccanismi collaborativi con operatori dell’area target del progetto;
- Censimento degli elementi di pregio delle aree interessate;
- Analisi delle potenzialità del territorio;
- Creazione di almeno 10 nuove imprese o nuove sedi per imprese già esistenti nei 91 comuni Obiettivo 2.

Obiettivi specifici

- Conoscere i principali elementi di pregio dei 91 comuni rientranti nelle aree di interesse del progetto;
- Analizzare l’evoluzione dell’impresa turistica locale attraverso un’analisi dei trend dei microsettori e dei principali fattori di successo o insuccesso;
- Determinare le prospettive di sviluppo locale delle principali infrastrutture e dei principali gestori di servizi turistici nelle province del Distretto;
- Distribuzione di strumenti informativi ai potenziali imprenditori, illustranti le opportunità nei territori interessati dal progetto;
- Attivazione di contatti diretti con potenziali imprenditori per la promozione di nuove imprese o per l’apertura di nuove sedi;
- Diffusione del modello progettuale per la replica delle best practices, alle realtà attualmente fuori dal Distretto (province di Padova, Verona e Belluno).

Risultati previsti

Finalità del progetto è la costituzione di almeno 10 nuove imprese (o nuove sedi operative per imprese preesistenti), localizzate all’interno dei 91 comuni interessati dal progetto (aree obiettivo 2 del Distretto turistico delle Province di Venezia, Rovigo, Treviso e Vicenza.
Tali imprese dovranno essere:
• Rispondenti alla definizione di Piccole e Medie imprese (Racc. n° 2003/361/CE del 6.5.2003 Commissione Europea);
• Non appartenenti alla codifica A (agricoltura, caccia, silvicoltura), o B (pesca, piscicoltura e servizi connessi), secondo ISTAT ATECO 2002;
• Esclusivamente costituite a seguito delle attività del presente progetto.

I destinatari

Le imprese di cui si intende stimolare la costituzione fanno riferimento principalmente alle tradizionali attività connesse all’ospitalità (come ristorazione e attività alberghiera e di ospitalità).
Sono tuttavia comprese anche imprese che potranno dedicarsi ai servizi che possono supportare la fruizione sostenibile del territorio, legata alle nuove tendenze del mercato turistico. A tale proposito si citano a titolo indicativo alcune tipologie di nuove imprese di cui si potrebbe stimolare la costituzione:
- noleggiatori (e manutentori) di biciclette, canoe e altre imbarcazioni;
- guide naturalistiche e culturali;
- manutentori di strutture quali percorsi ciclabili e sentieri;
- strutture a servizio delle ippovie (maniscalchi e rivendite di attrezzature per l’equitazione) e degli altri tipi di percorsi;
- costruttori di imbarcazioni e di strutture abitative tradizionali;
- istruttori di voga e altre attività tradizionali;
- servizi per l’organizzazione di sagre e manifestazioni locali;
- animatori del territorio.
In ottemperanza a quanto previsto dal bando le attività di cui si prevede la nuova costituzione non faranno parte di quelle comprese nella codifica A e B della classificazione ISTAT ATECO 2002.

Durata del progetto

• Avvio progetto 2.5.2007;
• Conclusione progetto 31/05/2008

Totale finanziamento progetto

180.000,00 EURO

Coordinamento del progetto

GAL Venezia Orientale - Agenzia di sviluppo, costituita come Associazione senza fini di lucro con personalità giuridica, fondata nel 1995 dai più rappresentativi Enti pubblici e privati dell'area Nord Orientale del Veneto.
Eroga servizi di assistenza tecnica, formazione, cooperazione, ricerca di finanziamenti,
nei settori ambiente, artigianato e servizi, agricoltura e turismo
Attualmente opera su alcuni dei principali programmi comunitari:
Obiettivi 2 e 3, PSR, Interreg III, Equal, Leader +

Back-ground

Il GAL Venezia Orientale è stato titolare del progetto “Il marketing dei beni culturali del Veneto Orientale” che ha previsto un censimento dei beni culturali mobili e immobili dei 9 comuni obiettivo 2 del Veneto Orientale, progetto realizzato nell’ambito del precedente bando della Misura 1.6 del DOCUP Ob. 2 Regione Veneto.
Il progetto si è concluso nel 2005 con la costituzione di 12 nuove imprese.

Le attività realizzate

• Censimento degli elementi di pregio;
• Analisi delle prospettive di sviluppo infrastrutturale e dei servizi;
• Analisi dell’evoluzione dell’imprenditoria locale;
• Predisposizione di strumenti informativi.

Gli eventi previsti e in fase di realizzazione

• Promozione diretta sul territorio (incontri informativi per favorire la nascita di nuove imprese nel settore turistico).

Materiali prodotti

• Monitoraggio e diffusione dei risultati del progetto

Visita il sito www.altrovento.net

Progetto ALTROVENTO cofinanziato dall'Unione Europea mediante il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale DOCUP 200-0-2006 Ob.2 Misura 1.6

01-europa02-italia03-regione-veneto