161/353

La Venezia Orientale. Comunicazione, itinerari e segnaletica

La Venezia Orientale. Comunicazione, itinerari e segnaletica
La Venezia Orientale. Comunicazione, itinerari e segnaletica

La Venezia Orientale. Comunicazione, itinerari e segnaletica

LR16/93

Il progetto, commissionato dalla Conferenza dei Sindaci del Veneto Orientale nell’ambito della L.R. 16/93 al GAL Venezia Orientale, consiste nella realizzazione di un Piano di Comunicazione e segnaletica turistica degli itinerari e degli elementi di particolare interesse storico, artistico ed ambientale della Venezia Orientale al fine di favorire la conoscenza e la frequentazione dell´area e predisporre le basi per successivi interventi di posa di cartellonistica, di fruizione turistica del territorio e di sviluppo di itinerari ciclo-pedonali.
Il progetto si integra con un precedente intervento realizzato dal Comune di Portogruaro nel quadro del Programma LEADER II, che aveva portato alla posa di n. 150 cartelli di segnaletica direzionale e n. 84 cartelli di segnaletica di localizzazione con il logo “Venezia Orientale” per l’indicazione di 69 emergenze storico-culturali ed ambientali e con il piano di segnaletica informativa degli Uffici informativi IAT e della Strada Vini DOC Lison-Pramaggiore.
L’intervento oggetto del presente finanziamento rappresenta “il seguito” di quanto realizzato nell’ambito del programma Leader II: è stato completato il Piano di Comunicazione e il Piano di Segnaletica coinvolgendo i comuni non inclusi nel precedente progetto, ovvero Cavallino Treporti, Fossalta di Piave, Jesolo, Meolo, Musile di Piave, Noventa di Piave,Quarto d’Altino, San Donà di Piave e San Michele al Tagliamento ed integrando in tal modo il censimento sulle emergenze storico-culturali ed ambientali da segnalare tramite apposita cartellonistica.
E’ stato infine elaborato un Sistema unico di percorrenza dell’area del Veneto Orientale di 388 Km totali, strumento che valorizza e raccoglie in un unico piano l’insieme di itinerari ciclo-pedonali che attraversano tutto il territorio interessato dal progetto, sia che si trovino in fase di realizzazione, sia già fruibili, creando un percorso unico che li colleghi e che consenta la visibilità globale del territorio stesso, in modo adeguato e chiaro e che possa costituire la base per programmare strategicamente gli interventi futuri.

Il progetto è stato finanziato dalla Regione Veneto nell'ambito della LR 16/93 e con fondi propri del Comune di Cavallino Treporti e Quarto d'Altino.

Obiettivo del progetto è la valorizzazione delle numerose valenze storiche, culturali ed ambientali espresse dal territorio e proponibili per la fruizione turistica.

Per la realizzazione del progetto il GAL Venezia Orientale ha costituito un gruppo di lavoro formato dagli Studi di Architetti Associati Datei-Nani di Venezia e La Caparra-Varini di Bergamo e un comitato tecnico, formato da VeGAL, Meta Comunicatori e dallo Studio Zamborlini di Fossalta di Portogruaro.
Le attività oggetto di intervento sono le seguenti:

  • elaborazione di un piano di comunicazione che ha analizzato lo stato di fatto dell’area, segnalato, in accordo con i comuni dell’area di intervento, 166 elementi di peculiarità del territorio ed individuato le quattro attrazioni offerte dal sistema Venezia Orientale: turismo enogastronomico, turismo d’arte, turismo culturale e turismo ambientale;
  • elaborazione di un piano di segnaletica comprensivo di relazione tecnica e quadro economico in cui vengono ipotizzati l’utilizzo di 112 segnali di localizzazione e 202 cartelli di direzione singoli o doppi urbani ed extraurbani;
  • elaborazione di un Sistema unico di percorrenza all’interno dell’area del Veneto Orientale, che ha analizzato lo stato di fatto dell’area, individuando 388 km di possibili percorsi ciclo-pedonali e piste ciclabili, a cui sono collegati altri 223 km di itinerari secondari. E’ stata inoltre tracciata una strategia di sviluppo del sistema unico di percorrenza, che propone per il futuro i seguenti interventi:
    • misura 1 – completamento dei circuiti terrestri e fluviali
    • misura 2 – miglioramento della visibilità e della accessibilità alle aree di pregio ambientale
    • misura 3 – formazione specifica rivolta agli operatori del settore ambientale
    • misura 4 – interventi di valorizzazione dei manufatti di pregio architettonico e culturale
    • misura 5 – formazione specifica rivolta agli operatori del settore culturale
    • misura 6 – creazione di una rete turistica integrata
    • misura 7 – messa in rete degli enti e delle istituzioni partecipanti al progetto.
  • individuazione di otto itinerari per conoscere il territorio tramite una mobilità lenta:
    1. l’ambiente di Altino;
    2. il Piave e la sua foce;
    3. il basso corso del Livenza;
    4. lungo il Lemene da Portogruaro a Caorle;
    5. la laguna e le valli di Caorle;
    6. il Tagliamento e la sua foce;
    7. la strada dei vini DOC Lison Pramaggiore;
    8. la Litoranea Veneta.

Le cartografie realizzate sono contenute nel report sotto allegato e possono essere anche scaricate di seguito:

Conferenza dei Sindaci del Veneto Orientale

Annone VenetoCaorleCeggiaCinto CaomaggioreConcordia SagittariaEracleaFossalta di PortogruaroGruaroJesoloMeoloMusile di PiaveNoventa di PiavePortogruaroPramaggioreSan Michele al TagliamentoSan Donà di PiaveSanto Stino di LivenzaTeglio VenetoTorre di MostoFossalta di Piave

maggio 2003 – maggio 2004

52000 Euro

50000 Euro

Hai un progetto innovativo per il territorio?

Area dedicata alla raccolta di proposte progettuali di soggetti privati e pubblici.