News

Un “Contratto di area umida” per la Laguna di Caorle

Si è tenuta lunedì 4 febbraio 2019 nella Sala Consiliare del palazzo Municipale di Concordia Sagittaria (VE), la cerimonia di sottoscrizione del documento di intenti del Contratto di area umida "Sistema della Laguna di Caorle". Erano presenti Claudio Odorico (Sindaco di Concordia Sagittaria), Pasqualino Codognotto (Sindaco di San Michele al Tagliamento), Giovanni Comisso (Vicesindaco di Caorle), Maria Teresa Senatore (Sindaco di Portogruaro), Gianluca Forcolin (Vicepresidente della Regione Veneto), Giuseppe Pan (Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca - Regione Veneto), Sergio Grego (Direttore Consorzio di Bonifica della Venezia Orientale) e Domenico Favro (Presidente di VeGAL). Presenti anche Veneto Agricoltura, associazioni di categoria, ambientaliste, sportive e culturali. Il documento sottoscritto è il risultato di un processo avviato dalla Regione Veneto nel 2018, che, attraverso un laboratorio partecipativo, ha predisposto il “Documento di Intenti” sottoscritto infine dalle istituzioni presenti all’incontro. Secondo il Vicepresidente della Regione Veneto Gianluca Forcolin “il contratto è un documento di intenti che impegna le amministrazioni comunali, la Regione del Veneto, il Consorzio di Bonifica solo per citare gli enti più strutturati, ma anche le tante realtà e associazioni che vi operano, ad attivare un percorso condiviso e partecipato per la protezione e la tutela degli ambienti naturali, delle acque, del paesaggio e di tutto ciò che rappresenta quella bellezza di cui abbiamo la fortuna di godere. Questo contratto ha l’obiettivo di far lavorare tutti nella stessa direzione per il bene dell’ambiente ed è già diventato caso di studio a livello nazionale. Come spesso accade, il Veneto è capofila grazie alle buone pratiche nate soprattutto dal buon senso e dall’amore verso il nostro territorio”; per Giuseppe Pan (Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca Regione Veneto): “con questa firma, prende il via un progetto sperimentale di gestione partecipata di una zona dall'alto valore ambientale e naturalistico, ma che deve essere valorizzata anche dal punto di vista turistico e di sviluppo economico”. L’iniziativa interessa le aree umide ricadenti nei comuni di Caorle, Concordia Sagittaria e San Michele al Tagliamento ed è stata promossa dalla Direzione Pianificazione Territoriale della Regione del Veneto in qualità di Partner capofila (Lead Partner) del progetto Interreg MED “WETNET - Coordinated management and networking of Mediterranean wetlands”. Il progetto vede coinvolti partner di sei Paesi europei dell’area mediterranea (Portogallo, Spagna, Francia, Italia, Slovenia e Malta) e affronta la necessità di attuare un approccio strategico, sistematico e collaborativo per la gestione delle aree umide protette. Obiettivo principale del progetto è favorire il coordinamento e migliorare l'efficacia della gestione e della pianificazione delle aree umide protette attraverso la definizione e la sperimentazione di strategie integrate, mettendo a punto uno strumento di governance basato sul modello dei Contratti di Fiume che siano in grado di favorire la conservazione e la valorizzazione della biodiversità, conciliare e mitigare l’impatto delle attività antropiche sugli ecosistemi acquatici, incrementare la consapevolezza del valore socio-ambientale delle aree umide. Per Domenico Favro (Presidente di VeGAL) “con la firma di questo Documento d’intenti si raggiunge l'impegno da parte della Regione e dei Comuni dell'area affinché si possano attuare politiche efficaci di tutela e salvaguardia ambientale di un territorio che va costantemente protetto sia da un punto di vista naturale, sia da un punto di vista degli interessi economici legati alla laguna". Alla sottoscrizione del documento sono seguiti un incontro pubblico, sabato 16 febbraio nel Mercato Ittico di Caorle con i pescatori di laguna (progetto FEAMP) e un ciclo di 3 incontri per capire il sistema della laguna di Caorle, tenutisi a Portogruaro il 6 marzo (“ACQUA, dinamiche e qualità delle acque lagunari”), il 13 marzo (“NATURA, la biodiversità nella laguna”) e il 21 marzo 2019 (“SVILUPPO, l’economia del sistema lagunare tra campi, valli e acque”).