Archivio

Risultati ed effetti nella prospettiva della PAC 2021/2027: un convegno organizzato dalla Regione Veneto a Legnaro

Si è tenuto alla Corte Benedettina di Legnaro, il 29 novembre 2019, un convegno che ha permesso di presentare i primi risultati del PSR 2014/20, in vista della PAC 2021/27. Nella prima parte dell’incontro il dott. Walter Signora della Regione Veneto ha presentato i risultati del PSR 2014/20 (che risulta essere il primo in Italia per stato di avanzamento della spesa, che ha già superato i 620 milioni di euro): 1.169 milioni cofinanziati da UE, Stato e Regione tra il 2014 e il 2020, che hanno generato un aumento della produttività nelle circa 15 mila imprese agricole beneficiarie del 3,1% (pari a 5158 euro/unità di lavoro annuo), un aumento della produzione agricola del 29,5% e 484 nuovi posti di lavoro creati. Ne hanno beneficiato soprattutto i giovani agricoltori, le cui aziende registrano, grazie ai finanziamenti del PSR, incrementi di produttività del lavoro del 27,6% e un aumento medio del valore delle produzioni del 73%. “I risultati del Psr vanno monitorati anche nel cosiddetto ‘indotto’ - ha messo in evidenza l’assessore regionale Giuseppe Pan - perché delle misure di investimento per la riqualificazione, l’innovazione e la sostenibilità dell’agricoltura veneta beneficiano anche le attività collegate, come dimostra lo sviluppo in questi anni di almeno una dozzina di nuove attività imprenditoriali non strettamente agricole, come B&B, fattorie sociali, attività di ricezione turistica attività di microartigianato, finanziate con i fondi del programma”. Gli effetti del PSR 2014/20 sul sistema agricolo veneto sono stati documentati dal valutatore indipendente Agriconsulting, dal Crea e della Rete rurale nazionale: il PSR ha salvaguardato e migliorato la biodiversità di oltre 111 mila ettari di superficie agricola (pari al 15% dell’intera superficie coltivabile regionale) salvaguardando ben 66.700 ettari a prato o a pascolo, ha aumentato siepi e filari in funzione di ‘fasce tampone’ per una superficie complessiva di 3222 ettari e uno sviluppo lineare di oltre 5300 km, ha promosso la riduzione dell’utilizzo di fertilizzanti (meno 41% di azoto e meno 21% di fosforo) su quasi 100 mila ettari coltivati (96.840 ettari) e ha prodotto un risparmio irriguo oltre 4,6 milioni di metri cubi d’acqua (in media 510 mc di acqua consumata in meno per ettaro di superficie irrigua). Sensibile anche il contributo dato al miglioramento dell’aria e alla riduzione delle emissioni di gas serra: il contributo che hanno dato le migliori pratiche e gli investimenti aziendali per la sostituzione dei combustibili fossili finanziati con il PSR è stimato in 72 mila tonnellate di anidride carbonica in meno immesse nell’atmosfera (pari al -2,2% delle emissioni regionali attribuibili all’agricoltura). Nei territori dei 9 GAL Veneti sono stati attivati 27 Progetti Chiave, finanziati con 71.4 Milioni di Euro. Nella seconda parte dell’incontro il dott. Franco Contarin della Regione Veneto ha presentato le linee generali della futura PAC 2021/27.